Sabrina Carbone. Archeologia:Le truppe di Re Luigi XIV riemergono vicino a Saint-Germain-en-Laye,sono iniziati gli scavi del campo di addestramento dell’esercito del Re Sole.

Gli storici militari specialisti dell’antico regime sono in agguato. Il luogo dove il sindacato interdipartimentale per il risanamento dell’agglomerato parigino(SIAAP) ha progettato di costruire una nuova stazione di depurazione nell’area di una parte è il Forte Saint-Sebastien dove era stato allestito un tempo il campo di addestramento delle truppe di Luigi XIV. Gli scavi effettuati con una pala meccanica hanno riportato alla luce  delle tracce di pali e di focolari che ha portato lo Stato a decidere di fare degli ulteriori scavi.Secondo gli archeologi è una doppia scoperta .sottolinea,  Séverine Hurard, dell’Istituto Nazionale delle Ricerche Archeologiche preventive(INRAP), responsabile scientifico del cantiere.Il Forte di Saint-Sebastien è sito sul territorio del comune di Saint Germain, in una delle grandi anse della Senna. In superficie non c’è molto, c’è stato il bisogno di disincrostarlo. Gli archeologi hanno richiesto la cartografia del campo che accoglieva quasi 20.000 soldati e 10.000 cavalli, riuniti lì per esercitarsi per la presa della Piazza Forte. Raschiando il suolo con dei sarchielli, hanno cercato di reperire le tracce di tende di tela che mettevano al riparo gli squadroni (di 9 uomini). Sono stati riesumati alcuni  oggetti rari: due monete, due o tre medaglie. Le fosse, i cui bordi erano stati ricoperti dall’argilla e dai mattoni pieni sono stati sgomberati. Nel campo c’era bisogno di cereali, pane, carne, fieno e donne (all’epoca numerose erano le prostitute a Saint-Germain). Sono stati scoperti anche dei condotti. Secondo il Generale Michel Hanotaux, ritratto appassionato della Storia Militare, il campo esisteva già dai tempi di Enrico IV il quale aveva avuto un ruolo importante nella sede di Parigi. Quest’ultime stime, attestano che il campo era stato costruito nel 1669 quando le truppe di Re Luigi XIV erano partite per la Guerra D’Olanda(1672-1679). “L’Archeologia è diventata un mestiere, indica Gabriel Drwila,dell’Inrap, responsabile aggiunto del cantiere. E’ bene ciò che è bene, il peggio è la pioggia”. Ero entusiasto all’inizio quando le prime impronte dei pali erano stati scoperti. Il cantiere è fuori norma nella sua estensione(28 ettari), i mezzi utilizzati (8,5 milioni di euro, e 35 persone state mobilitate per  diversi mesi, sottolinea Séverine Hurard . I risultati degli scavi saranno resi pubblici nei mesi a venire. Nel quadro della Giornata Nazionale dell’Archeologia ,il cantiere sarà aperto al pubblico sabato 23 giugno, dalle ore 14 alle ore 18 e domenica 24 dalle ore 10 alle ore 18

Immagine

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...