Il COFLEC appoggiato da Habitafrica

Sabrina Carbone

Thiaroye-sur-mer-

Abiboulaye Diouf, Presidente della fondazione “progetti e programmi di Habitafrica”, con sede a Dakar, desidera offrire maggiore supporto, al collettivo di donne che combattono l’immigrazione clandestina, il COFLEC con sede a Thiaroye-sur-mer, nella periferia di Dakar. “La fondazione, desidera, in avvenire, aiutare questo corpo femminile a perennizzare la loro missione, cercando nuovi partners, e combattendo la povertà che vigila in questo Stato “ha commentato nel corso del dibattito alla Aps, il 31 agosto 2012, il Presidente Diouf. Il COFLEC è nato nel 2007 grazie a un gruppo di donne di Thiaroye-sur-mer, che combattono il dramma della immigrazione clandestina, e soprattutto dissuadono migliaia di giovani di questo quartiere di pescatori, sito alla periferia di Dakar, a rinunciare a questa “avventura perniciosa”. Dai dati statistici, forniti dalla associazione, emergono mesti risultati: 156 scomparsi, 374 minatori detenuti nelle carceri, 88 orfani e 210 rimpatriati, dati che risalgono alla ondata di migrazione marittima, di qualche anno fa.
La collaborazione tra l’organizzazione “Habitafrica” e il COFLEC ha avuto il suo debutto in seguito ai funerali delle vittime causate da questo triste ciclone della migrazione clandestina, un dramma che ha fortemente colpito Thiaroye-sur-mer, nel 2006, ricorda Diouf. Successivamente al triste epilogo, le forti braccia femminili, hanno lavorato per la trasformazione dei cereali locali in couscous, la trasformazione di frutta in succhi, la produzione dei legumi, e il sapone a base di burro di karité, l’olio di palma e l’olio di palmisti, e hanno anche arruolato la produzione dei frutti di mare, iniziando così un microbusiness redditizio, a favore dei membri della associazione, ma anche dei giovani rimpatriati e dei trafficanti veterani. Questi prodotti, sono venduti non solo a livello locale, ma anche in Malì, in Italia e negli Stati Uniti, afferma il Presidente del COFLEC, Yayi Bayam Diouf, e rendono circa trentacinque milioni di CFA di fatturato annuo. Dopo cinque anni di intensa attività, il Presidente di Habitafrica considera “positive” le attività di queste donne nella lotta contro l’immigrazione clandestina, marcata da una forte campagna di sensibilizzazione. M.Diouf sottolinea, che il COFLEC, ha incrementato i posti di lavoro, con l’ausilio di alcune unità produttive e di una cassa mutua, come anche la formazione e l’inquadramento di circa 100 donne e di giovani ragazze.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...