La salma di Pablo Neruda sarà riesumata dopo 40 anni dalla sua morte

Sabrina Carbone

1360357128_323009_1360357713_noticia_normalLa salma del poeta cileno, Pablo Neruda, morto il 23 settembre del 1973, dopo il colpo di Stato di Augusto Pinochet, sarà riesumata nel corso delle prossime settimane come ha stabilito il giudice, Mario Carroza, che nel 2011 aveva aperto una inchiesta giudiziaria per chiarire le circostanze della morte del Premio Nobel della Letteratura. La notizia è stata annunciata dal media digitale “El Mostrador” e confermata ore dopo dalla ‘Fondazione Pablo Neruda’ attraverso un comunicato che afferma: “La Fondazione esprime in ogni momento la sua volontà a collaborare con le indagini svolte dal Ministro Carroza e confida pienamente in ciò che la perizia scoprirà nel pieno rispetto e nella maggior cura possibile. Aspetta, allo stesso tempo, che l’esame tanatologico contribuisca a risolvere i dubbi sorti riguardo alla morte del poeta”. La storia ufficiale ha indicato per quasi quattro decadi che l’intellettuale comunista è morto di cancro alla prostata, pochi giorni dopo il rovesciamento del Governo del Presidente Salvador Allende. A maggio del 2011, tuttavia, la rivista messicana ‘Proceso’ aveva intervistato, Manuel Araya Osoriom, chauffer personale del poeta negli ultimi mesi di vita, e aveva denunciato che Neruda era stato assassinato dalla dittatura militare di Pinochet. Dopo il giorno 11 settembre, il poeta andava in esilio in Messico assieme a sua moglie Matilde. Il piano era quello di ribaltare il tiranno dall’estero in meno di tre mesi. Stava per chiedere aiuto al mondo pur di sbarazzarsi di Pinochet. Ma prima di prendere l’aereo, sfruttando l’occasione di essere ricoverato in una clinica, gli avevano fatto una iniezione letale nello stomaco”, aveva segnalato Araya a dicembre del 2011 al giornale El Pais. Il Partito Comunista aveva presentato una querela per fare luce sulle cause della sua morte, la giustizia aveva accolto la richiesta e il giudice Carroza aveva aperto una inchiesta. Il magistrato, dopo venti mesi di interrogatori e perizie, aveva deciso di emettere, a gennaio, un ordine per riesumare la salma di Neruda che era stato sepolto nell’Isola Nera, di fronte al mare, dove aveva una delle sue residenze. La diligenza, che è stata realizzata a marzo di quest’anno, è stata a carico del Servizio Medico Legale (SML). I periti sono specializzati nella identificazione delle vittime della dittatura e sono stati l’elemento chiave per chiarire le cause dei Diritti Umani. A maggio del 2011, l’équipe ha riesumato anche la salma del Presidente Allende, in collaborazione con il tanatologo spagnolo, Francisco Etxeberria. Il giudice Carroza, anche lui a capo dell’indagine, finalmente ha confermato che il socialista è morto suicida a La Moneda. Carroza è sempre stato disposto alla opzione di esumare Neruda. Il giudice, tuttavia, ha deciso di realizzare previe attenzioni per determinare se la riesumazione poteva fornire ulteriori prove nuove, a 40 anni dalla morte del poeta. Ad agosto dello scorso anno, aveva ricevuto un informe dal SML il quale ragguagliava che la morte dello scrittore era stata repentina e non violenta e che era improbabile la partecipazione di terze persone, come aveva informato il vespertino La Segunda. Come era accaduto in Spagna con la monumentale famiglia del poeta Federico Garcia Lorca, la quale ha rifiutato per anni la riesumazione, la Fondazione Neruda era stata anche lei reticente a dissotterrarlo due anni or sono quando era esploso il caso. ” Sarà un vero atto di profanazione” aveva dichiarato alla fine del 2011 l’ex Presidente dell’ente Juan Augustin Figueroa.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...