Congo-Kinshasa: Le NU annunciano la firma dell’Accordo di Pace per il 24 febbraio

Sabrina Carbone

Le Nazioni Unite hanno annunciato, sabato, 16 febbraio, la firma dell’Accordo di Pace sul conflitto nella Repubblica democratica del Congo (RDC) per sabato, 24 febbraio, a Addis Abeba. Secondo Martin Nesirky, il portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite, “Tutti i Presidenti invitati hanno garantito la loro personale partecipazione, o tramite un rappresentante abilitato a firmare l’Accordo”. il Patto censito permetterà di portare la pace nell’Est del paese, in preda ai gruppi armati locali e stranieri. Ban-ki-Moon, ha inviato, venerdì scorso, gli inviti ai partecipanti alla convention di Addis Abeba, ha indicato Martin Nesirky per l’AFP. Il segretario generale delle NU ha, espresso la sua intenzione di andare lui stesso nella capitale etiopica per l’occasione, come riferisce la stessa fonte. L’Accordo sarà firmato dalle Nazioni Unite, dai Paesi della Conferenza Internazionale della Regione dei Grandi Laghi (CIRGL) e da alcune Comunità che sostengono lo sviluppo dell’Africa australe (SADC). E’ anche previsto che i paesi della regione rispettino ogni sovranità dei paesi vicini. Ciò comporta, ugualmente, in natura e in virtù dei comandamenti, lo spiegamento della forza internazionale neutra nell’Est del RDC. Il testo doveva essere firmato, fin da gennaio a Addis Abeba, ai margini del Summit dell’Unione Africana (UA). Tuttavia, la sua firma è stata rinviata a un’altra data. Eri Kaneko, portavoce del segretario generale delle NU che aveva annunciato questa decisione, non ha esposto le ragioni dell’annullamento, precisando molto semplicemente che è “Un soggetto complesso”. Per le NU la forza internazionale neutra, sarà integrata nella Missione delle Nazioni Unite per la stabilità del RDC (Monusco). Ma alcuni paesi come l’Africa del Sud, la Tanzania e il Mozambico, che forniranno la maggior parte degli effettivi della nuova brigata, stimano che questa forza dovrà essere posta sotto un comando autonomo. Questa unità di intervento, composta da quattro mila soldati, è chiamata a smantellare i gruppi armati che operano nell’Est del RDC, precisamente i ribelli delle forze democratiche per la liberazione del Rwanda (FDLR) e del M23. Lo spiegamento di una forza internazionale neutra tra il RDC e il Rwanda era stata proposta durante il Summit interministeriale degli Stati del CIRGL, a luglio del 2012 a Addis Abeba. Alla fine di ottobre, i Ministri della Difesa del CIRGL avevano adottato, a Goma, il piano di operazione della forza, ma il suo finanziamento e la data effettiva del suo spiegamento non erano stati definiti.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...