Congo-Kinshasa – Il morbillo continua a provocare danni

Sabrina Carbone

ImmagineA di dicembre del 2012, MSF aveva lanciato una allerta sulla situazione epidemica e sulla mancanza di mezzi per far fronte all’urgenza. Due mesi più tardi, l’epidemia del morbillo aveva continuato a colpire migliaia di bambini nella provincia orientale dell’Equateur a Nord del paese. Estremamente contagioso, il morbillo può generare delle complicazioni mediche gravi e la mortalità può arrivare fino al 25% dei casi. Di fronte alle carenze del sistema sanitario, Medici Senza Frontiere (MSF) ha tentato di combattere questa epidemia. Da marzo 2012, l’organizzazione ha già preso in carica più di 18.500 malati e ha vaccinato più di 440.000 bambini. “Numerose piccole tombe sono state scavate di recente lungo le strade”  testimonia Nathalie Gielen, responsabile di una équipe di MSF, di ritorno dalla zona sanitaria di Djolu nella provincia dell’Equateur, “In un villaggio abbiamo contato 35 decessi”. Un padre che aveva perduto i suoi figli nelle ultime tre settimane ha spiegato che di villaggio in villaggio c’è l’eco di una sola parola: Morbillo. “Le persone sono afflitte e disperate e chiedono aiuto”.
La crisi continua dal 2010
“Questa situazione è l’ultimo sviluppo di una epidemia continua che tocca l’insieme del paese dal 2010 e che è particolarmente mortale con i bambini al dì sotto dei cinque anni di età” ha spiegato Amaury Grégoire, capo della missione aggiunta di MSF. “E’ inaccettabile vedere persone che muoiono ancora di morbillo nel XXI secolo. Esiste un vaccino molto efficace e a buon mercato, che protegge dal morbillo dopo una unica dose. Tuttavia, in Paesi come la RDC centinaia di migliaia di bambini non sono mai stati vaccinati e continuano a morire a causa di una malattia la quale è facile prevenire”. Il sistema sanitario è fuori moda per l’ampiezza dei bisogni. Nelle loro attività, le strutture affrontano regolarmente la mancanza di medicinali, e sono anche rapportate a importanti deficit nelle risorse umane qualificate. Il loro accesso e  i loro rifornimenti sono resi estremamente difficili a causa dell’assenza di rotte praticabili.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...