Africa dell’Ovest – l’architettura in terra rossa, una soluzione per il Sahel.

Sabrina Carbone

ImmagineLa terra cruda ( ad alto tenore argilloso) viene lavorata e impastata con acqua, paglia o fibre naturali, che legano tra di loro e serve per realizzare murature di getto o murature a blocchi, ed è stata utilizzata per millenni nel mondo intero. Ancora oggi, un terzo della popolazione mondiale vive in queste abitazioni di terra rossa essiccata. Nel Sahel, la terra risponde perfettamente ai bisogni degli abitanti, anche se soffre di una cattiva immagine.
Per dimostrare che questa tecnica ancestrale è sempre pertinente, una ONG italiana sita a Niamey, il CISP, ha lanciato un progetto di promozione della terra rossa. Le prime tracce edili in terra cruda, sono state rintracciate in Mesopotamia, e risalgono a 1000 anni fa. Nel Sahel, le moschee di Djenné e di Agadez sono dei bellissimi esemplari di questa tradizione secolare. La terra è utilizzata dalla maggior parte della popolazione del Sahel, anche se è considerata povera. Coloro che hanno i mezzi per costruire in cemento dirottano da questa antica tecnica. Tuttavia, grazie alle sue proprietà e alla sua grande disponibilità, la terra rossa essiccata risponde alla posta in gioco del Sahel: Calura estrema, mancanza di legno e di mezzi. Convinti della modernità di questo tipo di costruzione, un architetto belga, Odile Vandermeeren, e una archeologa italiana, Marta Abbado, residenti a Niamey, hanno costruito un villino in terra rossa in due anni. Il CISP, congiuntamente alle ONG dell’Africa dell’ovest, la città di Niamey e al Governo del Niger, realizzeranno un inventario competente sul paese. Grazie al finanziamento dei Paesi ACP e all’Unione Europea, saranno realizzati dei prototipi di abitazioni e edifici collettivi in collaborazione con gli architetti nigeriani. Il Museo nazionale sarà dotato di un villino architettonico in terra rossa e nel 2014, Niamey accoglierà un simposio internazionale su questo tema.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...