Tragedia di Lampedusa: La Repubblica di Malta e la Germania sono come Ponzio Pilato…se ne lavano le mani

Sabrina Carbone100kb

L’Italia non ha voce, è rauca di fronte all’Europa e lo è anche l’Unione Europea. Il Trattato di Schengen, al quale hanno aderito 31 Stati afferma:

1) Abolizione dei controlli sistematici delle persone alle frontiere interne dello spazio Schengen.
2) Rafforzamento dei controlli alle frontiere esterne dello spazio Schengen.
3) Collaborazione delle forze di polizia e possibilità per esse di intervenire in alcuni casi anche oltre i propri confini (per esempio durante gli inseguimenti di malavitosi).
4) Coordinamento degli Stati nella lotta alla criminalità organizzata di rilevanza internazionale (per esempio mafia, traffico d’armi, droga, immigrazione clandestina).
5) Integrazione delle banche dati delle forze di polizia

Il comune denominatore è la COOPERAZIONE TRA GLI STATI.
E dov’è questa cooperazione tra gli Stati?
Nel mese di agosto del corrente anno, quasi cento clandestini sono stati soccorsi al largo e portati a nella Repubblica di Malta. Il Governo della Valletta ha vietato l’attracco al Porto. Certo perchè la patata bollente da pelare tocca sempre alla Repubblicana Italiana. Anche la Valletta e la Germania fanno parte della Convenzione di Schengen e come mai non collaborano?
La UE, a riguardo sempre nel mese di agosto sosteneva che “La priorità era quella di salvare la vita degli immigrati soccorsi”. Il Governo della Valletta invece, non ha voluto sentire ragioni perchè tanto c’è l’Italia che è una grande penisola vive nell’oro e può permettersi di ricevere un afflusso di persone fuori dal normale. L’Italia sembra la scema del villaggio a quanto pare. Siamo stufi di fare parte di una Unione Europea che non funziona. Gli altri Stati quando è il turno del comodo rientrano nella Unione Europea quando non è comodo fanno come Ponzio Pilato se ne lavano completamente le mani. Il Commissario europeo agli Affari Interni, Cecilia Malmstrom, ha scandito: “E’ dovere umanitario delle autorità maltesi lasciar sbarcare queste persone. Rinviare la nave in Libia è contrario alle leggi internazionali”. Il caso è pieno di contraddizioni dettate dalla stessa Unione Europea che alla luce dei fatti non sembra avere voce in capitolo nemmeno lei dal momento che tutti fanno come gli pare. Il pescatore lampedusano, Fiorino, rischia di essere indagato a causa della tanto discussa legge Bossi-Fini, per aver prestato soccorso sulla sua barca ai profughi in mare, mentre le navette della Guardia di Finanza rimanevano al molo. Ma la Repubblica di Malta e la Germania che hanno obblighi a livello internazionale e doveri internazionali non rischiano niente come mai? Altro che vaso di Pandora, e siamo nella Unione Europea…Complimenti! Se la priorità è salvare le vite delle persone come mai chiedo, agli Stati che li rifutano non succede mai niente e se era l’Italia che rifiutava i profughi già avevamo ricevuto le sanzioni? Questo è veramente uno scempio. Una miopia europea che ha dell’indescrivibile. Ad Agosto secondo le informazioni della Unione Europea il proprietario della nave Salamis aveva portato a compimento i doveri umanitari per salvare la vita a 102 clandestini naufragati in mare. Tra questi c’erano: quattro donne in stato di gravidanza, una donna ferita e un bimbo di quasi cinque mesi. Il capitano della nave aveva diffuso una richiesta medica urgente poichè una delle donne era rimasta ferita e aveva bisogno di un ricovero immediato. Nonostante la gravità della situazione, al molo della Valletta non sono scesi. Ma non è finita. Trecento profughi esuli dalla Libia, dal Togo e dal Ghana sono giunti ad Amburgo con un pass e 500 euro a testa, CONCESSI DALL’ITALIA a coloro che lasciavano l’isola siciliana perchè sovraffolata. Ma la Germania che incita all’Europa sapete cosa a risposto? “Non hanno nessun diritto legale a un alloggio né a una assistenza economica, sarebbe folle dar loro false speranze di un futuro lavorativo qui”. Scaduti i permessi temporanei, gli immigrati dovranno tornare in Italia, e le autorità tedesche hanno già messo a disposizione i biglietti del treno gratis per riportarli nella penisola. In questo palleggiarsi le responsabilità tra i due Paesi, in trecento ad Amburgo attendono una risposta dalla Cancelliera Merkel. Questa è la dichiarazione rilasciata dal Ministro tedesco Detlef Scheele. Venga in Italia signora Merkel capirà da sola come funziona la sua Europa. Cari italiani, finita la festa gabbato il Santo. La Germania fa parte dello spazio Schengen, la Repubblica di Malta fa parte dello spazio Schengen e l’Italia? Alla luce dei fatti questa è una Europa vergognosa. Dov’è questa cooperazione? Ma a cosa serve questa convenzione di Schengen a far fare i comodi agli altri perchè fatti i conti della serva l’Italia si può ermettere di inglobare il resto del mondo? Echeggiano contro il razzismo, la clandestinità, i diritti dell’uomo, ma questi Stati conoscono i diritti dell’uomo o fanno orecchie da mercante per affari che non gli convengono? Male, molto male, colpa dell’Italia che non ha voce in capitolo e colpa dell’Europa che non ci difende. La moneta unica, l’apertura delle frontiere, e quando si tratta di dare una mano dov’è l’Unione Europea? Complimenti per il rispetto a noi civili italiani

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...