La madre degli stolti è sempre incinta: Nuovi scontri violenti a Roma

Sabrina Carbone100kb

La madre degli stolti è sempre incinta purtroppo partorisce sempre tra ottobre e novembre le ondate di violenza!

28 ottobre del 1922, Marcia su Roma organizzata dal Partito Nazionale Fascista (PNF) guidata da Benito Mussolini si inseriva in un contesto di grave crisi e la messa in discussione dello Stato liberale. La situazione di crisi era cominciata prima del termine della Grande Guerra.

15 ottobre 2011, manganelli, violenze di teppisti criminali. Era passato il sì del voto di fiducia al Governo e gli indignati quel sabato, 15 ottobre, erano tutti radunati nella Capitale.

14 novembre 2012, la Cgil aveva previsto una astensione al lavoro di quattro ore e nel mentre Cortei paralleli di studenti e precari si riversavano nelle città, di Milano, Torino, ma a Roma c’era stato davvero un terremoto di azioni violente. A pagare le spese i commercianti, i cittadini, le Forze dell’ordine e ricordiamo tutti una piccola madonnina ridotta in un pessimo stato, il disgusto per questo atto non ha limiti.

19 ottobre 2013, la situazione è recidiva di nuovo manifestazioni violente contro il Ministero della Economia, sono state lanciate bottiglie e bombe carta. Portavano tute nere, cappucci e maschere antigas ma non cellulari per non essere intercettati, tra loro anche alcuni francesi e vicino alla Stazione termini in modo vergognoso hanno imbrattato la statua dedicata a Papa Wojtyla in Piazza dei Cinquecento e da lì sono andati verso il Ministero della Economia. La polizia cercando di ostacolare le violenze ha fatto i conti con una coltre di cassonetti incendiati, che hanno funto da barricata e i Black bloc sono riusciti a sfuggire, una bomba carta è stata disinnescata, dodici i fermati e un carabiniere è rimasto lievemente ferito. Ma le violenze non hanno avuto tregua prese d’assalto anche le Banche in via Boncompagni, distrutte le vetrine delle filiali Unicredit, e lancio di uova contro il Monte dei Paschi di Siena. Prima degli scontri in via XX settembre altri assalti sono avvenuti con CasaPound quando dal corteo che stava manifestando un gruppo di antagonisti è andato diretto verso via Napoleone III dove hanno raggiunto un gruppo di estrema destra muniti di caschi e mazze, la Polizia ha fatto da muro tra i due gruppi e ha evitato il contatto fisico. Oltre a un attacco sul posto è stato anche realizzato un altro informatico, in base alle recenti testimonianze sembra che sia stato fatto da parte di Anonymus, sono stati congelati i siti del Ministero delle Infrastrutture, della Corte dei Conti e del Corriere della Sera. Roma non è più la città del neorealismo felliniano, Roma è diventata il Focus delle violenze e questo non ci rappresenta in modo dignitoso davanti al resto del mondo. E’ vero che c’è il diritto a manifestare ma in maniera pacifica e non violenta, a cosa serve dunque manifestare se poi gli eventi peggiorano in questo modo? Ottobre non porta bene dunque alla capitale che dal 1922 ad oggi ha vissuto diverse marce. Non è così che portiamo avanti l’Italia, bisogna sedersi a tavolino e aprire un dibattito sul tavolo dei negoziati se vogliamo che l’Italia rinasca, sono disgustata da questa gioventù che incita all’odio e alla violenza ma ahimè la madre degli stolti è sempre incinta.link aiuo

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...