Disuguaglianza economica e sociale un connubio che alimenta la povertà

Firmato Sabrina Carbonebririd

La disuguaglianza economica e sociale e una squilibrata atmosfera sociale alimentano la povertà che colpisce le persone più vulnerabili e viene definita come disuguaglianza economica di posizione o sociale degli individui. In questa società umana molto sviluppata 3 miliardi di persone vivono con meno di 2 (USD) al giorno mentre 1,4 miliardi di individui vivono con meno di 1.25 (USD) al giorno. La povertà è un fronte molto pericoloso e prende forma in questo mondo lussuoso e moderno dove i timori prendono corpo in essa. I mezzi non sono sufficienti per alimentare e per coprire le esigenze di una famiglia, alla quale viene negato ogni accesso agli edifici scolastici o alle cliniche, e addirittura non hanno neanche un lotto di terra da coltivare o che gli permetta di nutrirsi o un lavoro per guadagnarsi da vivere, e non hanno accesso al credito. 925 milioni di persone soffrono di fame cronica, tra questi 800 milioni vivono nelle zone rurali e dipendono dall’agricoltura per soddisfare le esigenze alimentari e avere una sicurezza economica. 2,6 MILIARDI di persone in tutto il mondo non hanno accesso a un risanamento idrico e territoriale adeguato e approssimativamente 780 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile. Ogni giorno oltre 4.000 bambini muoiono a causa di una diarrea severa come conseguenza di un risanamento difficile e di una scarsa igiene. Quasi 11,700 persone muoiono ogni giorno di HIV/AIDS, di tubercolosi e di malaria. Quasi due terzi di loro vive nell’Africa Subsahariana. Quasi metà della popolazione del mondo — oltre 3 miliardi di persone — vive con meno di 2,50 dollari al giorno. Oltre 1,3 miliardi di persone vivono nella povertà estrema (con meno di 1,25 dollari al giorno). 1 miliardo di bambini nell’universo vivono nella povertà. Secondo l’UNICEF, 22.000 bambini muoiono ogni giorno a causa della povertà. Oltre 1 miliardo di persone non hanno un accesso adeguato all’acqua potabile pulita e tra questi 400 milioni in base ai calcoli sono bambini. Nel 2011, 165 milioni di bambini al dì sotto dei 5 anni (tasso ridotto di crescita e di sviluppo) sono morti a causa di una malnutrizione cronica. 870 milioni di persone nell’universo non hanno una alimentazione di base. Le malattie evitabili come la diarrea e la polmonite stroncano la vita a 2 milioni di bambini ogni anno i quali sono troppo poveri per permettersi un trattamento adeguato. Nel 2011, 19 milioni di bambini nell’universo non sono stati vaccinati. Un quarto di tutti gli esseri umani vive senza elettricità — circa 1,6 miliardi di persone. Il 80% della popolazione mondiale vive con meno di 10 dollari al giorno. Quasi 40 miliardi di dollari sono devoluti all’istruzione di base, all’acqua pulita e al risanamento, alla riproduzione delle donne, alla sanità e alla nutrizione di base per ogni individuo che vive nei paesi in via di sviluppo. Il Programma mondiale sulla alimentazione dichiara: “il povero ha fame e la sua fame lo intrappola nella povertà”. La fame è la causa numero uno nel mondo che è motivo di decessi, ed è ancora più mortale rispetto all’HIV/AIDS, alla malaria e alla tubercolosi combinata. Il fondo dello sviluppo economico e agricolo è un fondo specifico destinato a autorizzare le comunità a usufruire delle risorse necessarie per alimentare per stabilizzare la nutrizione e la sicurezza economica, che può conseguentemente e direttamente migliorare la salute e l’istruzione. Le Nazioni Unite e i paesi sviluppati devono migliorare i fondi di sviluppo economico e agevolare le famiglie, le comunità e le nazioni che dipendono dall’agricoltura, allo scopo di incoraggiarle a coltivare i prodotti alimentari tramite delle tecnologie avanzate e moderne e con una giusta pianificazione per introdurli sul mercato. 800 milioni di persone che vivono nelle zone rurali, appartengono all’ONU e ai paesi in via di sviluppo, 800 milioni di persone impiegano le loro abilità e lavorano la terra ottenendo buoni profitti. Le Nazioni Unite e i paesi sviluppati piantano i migliori semi e usano i migliori fertilizzanti liberi tramite una eccellente linea guida di produzione e ricevono un addestramento per la coltivazione agricola. Le donne devono essere incoraggiate a comprendere questo campo dell’agricoltura, e un gran numero di loro in Asia e in Africa lo hanno già capito, ma solo quando i continenti europei e gli americani sono stati completamente coinvolti gli obiettivi per evincere la povertà sono stati raggiunti. Bisogna incoraggiare l’industria manifatturiera allo scopo di sviluppare le fonti di vendita. Creare una finestra di tante piccole industrie alle quali viene attribuito un prestito a tasso agevolato, allo scopo di fondare la base per una buona coltivazione agricola e per l’allevamento degli animali e del bestiame.

Annunci

2 thoughts on “Disuguaglianza economica e sociale un connubio che alimenta la povertà

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...