Trovata una camera occulta del KGB nella Accademia delle scienze della Lettonia

Sabrina Carbone5e6a49080896c62ae0c0e82cec087814_article

Durante la ricostruzione della sala da concerto dell’Accademia delle scienze della Lettonia è stata scoperta una camera segreta che veniva utilizzata dagli agenti del KGB per spiare le udienze. L’edificio dell’Accademia è un progetto che risale all’epoca di Stalin ma la sua costruzione è stata portata a termine nel 1958, dopo il decesso del capo sovietico. In accordo con il portale lettone Delfi, il rappresentante delle opere, Yuri Millers, ha sottolineato che la camera è di massimo interesse con l’auspicio che dopo il restauro sia trasformata in un museo dove saranno esibiti i materiali sullo stile di vita nell’URSS. La camera dei segreti del KGB non è stata la sola scoperta trovata durante il restauro dell’Accademia delle scienze. In questo senso, a metà luglio è stato trovato un messaggio scritto da operai sovietici addetti alla costruzione. La nota, datata 1955, dice ciò che segue: “A una distanza di un metro dall’emblema prendiamo due bottiglie da mezzo litro di vodka Moskovskauya per celebrare la fine dei lavori del tetto e del fregio”. L’Accademia delle scienze della Lettonia, situata nel centro della città, è un edificio di 21 piani concepito seguendo il modello dei grattacieli staliniani di Mosca. In seguito al rinnovo della sala da concerto dell’Accademia delle scienze la stessa è stata aperta oggi sabato, 20 settembre.

Official page SEBAL Facebook

Annunci