Tutto quello che bisogna sapere sulla finanza islamica

Traduzione per SEBAL a cura di D.ssa Sabrina Carbone traduttrice freelance I.A.T.I. fonte:Easy Bourse

finanza islamicaQuali sono i 5 principi che deve conoscere chi si avvicina alla finanza islamica? La finanza islamica a prova della crisi finanziaria? Le sfide rilevate dalla finanza islamica. Qual’è la specificità dei prodotti bancari islamici? A chi sono indirizzati?

La finanza islamica è fondata su cinque principi cardinali. Questi ”cinque pilastri dell’islam finanziario” contengono 3 principi negativi (-) e 2 principi positivi (+):
-Principio n°1 (-): nessuna ‘riba’ (interesse, usura);
-Principio n°2 (-): nessun ‘gharar’ né ‘maysir’ (incertezza, speculazione);
-Principio n°3 (-): nessun ‘haram’ (settori illeciti);
-Principio n°4 (+): obbligo di divisione dei profitti e delle perdite;
-Principio n°5 (+): principio di sostegno a un attivo tangibile.

Inoltre, un consiglio fedele alla sharia (formato da noti avvocati musulmani) convalida il carattere islamico di un prodotto finanziario o di una transazione finanziaria. Le finanze islamiche moderne sono un fenomeno recente: Sono passati 30 anni da quando sono emerse le prime banche islamiche; all’inizio del millennio, i mercati dei sukuk (pronunciati ‘soukouk’, cioè le obbligazioni islamiche) erano praticamente inesistenti. Oggi, le stime dimostrano che: il mercato finanziario islamico, che raccoglie circa 300 banche conformi alla sharia, le società di ‘takaful’ (o assicurazione mutualistica islamica), e i fondi per gli investimenti che rispettano i principi dell’islam finanziario, rappresentavano più di 950 miliardi di dollari alla fine dell’anno 2009. Solo il mercato dei sukuk, con i suoi 125 miliardi di dollari, ha già superato il PNL di un paese come il Marocco. (Cf la scheda segnaletica di questa industria qui di seguito).

Scheda segnaletica delle finanze islamiche

Data e luogo della prima comparsa

All’inizio degli anni ’60 in Egitto (Mit Ghamr SavingsBank) e in Malesia (Tabung hadji)
Emergenza della prima banca commerciale islamica
Dubai Islamic Bank è stata creata nel 1975 a Dubai
Dimensione del mercato alla fine del 2009 (stima)
820 miliardi di dollari di attivi delle banche e società islamiche di assicurazione; 950 miliardi di dollari compresi gli attivi fuori bilancio e i fondi conformi alla sharia
Tasso di crescita annuale a medio termine nel corso degli ultimi 10 anni
Tra il 10% e il 30% in funzione delle classi di attivi
Distribuzione geografica
60% nel Golfo Persico
20% in Asia del Sud
20% nel resto del mondo
Dimensione del mercato dei sukuk al 31 dicembre 2009
125 milliardi di dollari (+ 15% nel corso dell’anno 2009)
Eurosukuk quotati sui mercati globali al 31 dicembre 2009
Circa 45 milliardi di dollari
5 principi che deve conoscere chi si rivolge alle finanze islamiche? Le finanze islamiche a prova della crisi finanziaria? Le sfide raccolte dalle finanze islamiche

Annunci