Le buone abitudini in caso di freddo

Traduzione a cura di Sabrina Carbone per SEBAL company professional translation  fonte Le Figaro

PHOa6038b0e-8f65-11e4-ae7a-79f2598a1ebb-805x453

Mentre vengono attivati i piani ”grande freddo” nei dipartimenti, alcune semplici precauzioni permettono di prevenire i rischi per la salute. Le basse temperature possono risultare dannose per la salute, soprattutto per le persone sensibili – anziani, lattanti, pazienti cronici, persone con mobilità ridotta, senzatetto, o anche i lavoratori esposti al freddo. Il Ministero della Sanità invita quindi ad intensificare la vigilanza di fronte agli effetti spesso sottovalutati delle basse temperature che richiedono all’organismo ulteriori sforzi, in particolare al cuore, che batte più rapidamente onde evitare che il corpo si raffreddi. Queste possono comportare ipotermia – quando la temperatura corporea scende sotto i 35°C – e dei congelamenti: esposizione al freddo, le estremità del corpo possono diventare inizialmente rosse e dolenti, quindi grigie e non dolorose.
● Consigli perr l’esterno:

– Limitatevi ad uscire se fate parte delle persone a rischio, in particolare la sera quando le temperature scendono di molti gradi.

– Se dovete uscire, indossate abiti pesanti, coprendo bene le parti del corpo che lasciano sfuggire il calore: la testa in particolare, ma anche il collo, le mani e i piedi. Indossate molti strati di abiti (almeno tre), più efficaci rispetto a un solo strato spesso, e terminate con uno strato frangivento ed impermeabile.
– Mantenete un certo livello di esercizio regolare come camminare, senza peraltro compiere sforzi troppo importanti.
– Prestate un’attenzione particolare alla vostra alimentazione, in particolare a colazione. Consumate soprattutto zuccheri lenti (pasta, pane, riso, lenticchie, cereali) e proteine. Contrariamente a quanto si dice, non è necessario mangiare più grassi del normale.
– Bevete molta acqua, anche se non avete sete, poiché il freddo ed alcuni riscaldamenti disidratano. Limitate il vostro consumo di alcool, che non riscalda!
– Evitate i lunghi tragitti in automobile. Se ciò è impossibile, munitevi di acqua, di prodotti alimentari, di coperte, di un telefono carico e informatevi sul tempo prima di partire.
– Se dovete portare un bambino, non lo mettete in un marsupio, portatelo in braccio o optate per un passeggino affinché il bambino possa muovere i suoi arti e riscaldarsi.

● Consigli in casa:

– Mantenete la temperatura ambiente a livello adatto, anche nella camera da letto (minimo di 19 °C).
– Assicuratevi del regolare funzionamento degli apparecchi per il riscaldamento e della loro manutenzione prima di utilizzarli. Non surriscaldate le stufe a legna né i riscaldamenti integrativi a causa dei rischi di incendio e dell’intossicazione di monossido di carbonio.
– Non bloccate le bocche di aerazione, che permettono di garantire la vostra sicurezza e rinnovare l’aria senza esporvi al freddo.
– Informatevi regolarmente sugli anziani o i disabili che vivono isolati nel vostro ambiente.

Annunci