Un cane aiuta un bambino trisomico a interagire

Traduzione a cura di Dott.ssa Sabrina Carbone per SEBAL company fonte SCIENCE ET AVENIR

14689842

Il contatto con gli animali può aiutare i bambini seriamente disabili ad interagire con il mondo che li circonda. Questo labrador ha fatto tutto quello che poteva fare per interessare questo giovane bambino colpito dellla sindrome di Down.

MAGGIOR BENESSERE. I vantaggi apportati dagli animali ai bambini sono innegabili. In particolare nei bambini con disabilità multipla, che hanno di solito poche interazioni con il loro ambiente. Tuttavia la medicina lo ha ben capito poiché esistono sedute di zooterapia per apportare a questi bambini un maggior benessere. Nel cerchio privato, la compagnia di un animale può anche aiutarli a stimolare i loro sensi, sotto forma di tatto, ma anche con semplici sguardi. Questo è quanto dimostra il video riportato qui di seguito tra un giovane bambino colpito da sindrome di Down 21 e un labrador. Il bambino si gira verso il cane, avanza verso lui, e lo osserva. Il labrador steso tranquillamente, comprende questo interesse e tende la sua zampa e la appoggia sulle gambe del bambino. Anche se quest’ultimo se ne libera e arretra, non cessa di rinviare il suo sguardo verso il labrador che allora intensifica i suoi sforzi e striscia verso di lui. Il bambino afferra la zampa del cane. Inizia così un gioco dove interesse ed evitabilità si mescolano. Una cosa è certa, i sensi del bambino sono stati stimolati, nella calma e senza spavento.

Annunci

One thought on “Un cane aiuta un bambino trisomico a interagire

I commenti sono chiusi.