I crediti immobiliari non sono mai stati così a buon mercato

Traduzione a cura di Dott.ssa Sabrina Carbone per SEBAL company di Sabrina Carbone fonte Le Soir be

1440002656_B977791796Z.1_20160208112646_000_GP565CUL7.1-0

Potete risparmiare su un auto. Dovete aspettare due anni per concedervi la vostra casa, certamente, ma potete anche pagare una nuova auto senza mettere un soldo da parte. Come? Grazie a un fenomeno che spesso non fa buona notizia. La famosa riduzione dei tassi che abbassa il reddito del vostro conto corrente, che rende i vostri investimenti poco interessanti, ma che fa anche abbassare il prezzo dei crediti immobiliari. Sabato, 6 febbraio, la media delle dieci migliori offerte dei prestiti ipotecari compilata da guide-epargne.be culminava al 2,631% per un credito di 150.000 euro in 20 anni. È molto più delle offerte dei conti correnti, ma molto meno di ciò che era stato proposto all’inizio del 2014: 4,43 %. A tasso fisso, il risparmio in termini di costi se avete atteso questo fine settimana per firmare il vostro mutuo supera i 32.000 euro, ossia un auto molto bella.

Meno margine nei negoziati

I tassi scelti come referenti hanno tuttavia una caratteristica: la media delle dieci migliori offerte non negoziate, cioè come quelle presentate dagli istituti bancari. E dopo i negoziati, i rimborsi mensili possono ancora essere rivisti in ribasso. I cinque migliori contratti negoziati dagli utenti di guide-epargne.be hanno raggiunto un tasso dell’1,88% per lo stesso prestito, cioè 150.000 a tasso fisso per 20 anni. Un tasso d’interesse basso lascia tuttavia poco posto ai negoziati. Se non avete ancora richiesto un credito ipotecario, è il momento giusto per sollecitare le banche. In primo luogo, i tassi sono ancora più bassi e la media delle dieci migliori offerte ha toccato il suo minimo storico dal mese di giugno del 2015. La soglia era allora scesa al 2,82%, contro il 2,65% degli ultimi dati registrati. Il secondo punto riguarda il calendario, infatti tra qualche giorno sarà aperto il Batibouw, la Fiera belga della costruzione, del restauro e della decorazione. Lo scorso mese di gennaio qualche ora dopo l’apertura del salone dell’Auto, gli Istituti bancari si sono lanciati in una concorrenza agguerrita, offrendo tassi ancora più bassi per il finanziamento di qualsiasi nuova auto. La tradizione vale in generale anche per la grande Fiera-evento della Casa.

Ancora divergenze

Ma se le statistiche danno ragione ”al minimo storico” che tocca il credito ipotecario, le offerte individuali meritano più attenzione. De facto, le grandi banche non applicano tutti i loro tassi bassi mai registrati. È il caso di Axa (2,8% per un prestito a tasso fisso in 20 anni), Belfius (2,8%) e ING (2,95%). Alla Crelan tuttavia, il tasso, che era sceso al 2,85% nel mese di aprile del 2015, è oggi al 2,92%. Idem per la BNP Paribas Fortis, che aveva messo al bando un’offerta al 2,85% nel mese di giugno dello scorso anno contro il 3,2% di oggi. La KBC, che è attualmente la proposta più attraente del mercato con il 2,65%, era scesa fino al 2,28% nel mese di aprile del 2015. ”Il risultato di una recrudescenza dei tassi di interesse registrata nella seconda metà del 2015, non è stata ancora del tutto cancellata dalle banche interessate”, ha commentato Kristof De Paepe, fondatore di guide-epargne.be. Dopo l’ultimo record registrato a metà semestre, i tassi hanno effettivamente conosciuto una rimonta in due mesi prima di riabbassarsi delicatamente, ma con più vigore lo scorso mese di dicembre. Tuttavia, i tassi eccezionali, offerti attualmente, sono spesso sottoposti a delle condizioni: sottoscrizione di un’assicurazione o una quota massima che il cliente può prendere in prestito rispetto al prezzo dei suoi beni per esempio. Ma se vi siete persi il mese di giugno 2015, non perdetevi il mese di febbraio 2016 per approfittare di un credito ipotecario a buon mercato. ”Con Batibouw in vista, le banche forse annunceranno altri ribassi dei tassi”, ha aggiunto Kristof De Paepe.

Advertisements